giovedì 24 giugno 2021

Ultime letture: Dark frontier

Le proposte del Leviathan Labs sono sempre molto interessanti, Massimo Rosi è un abile sceneggiatore e lo dimostra anche nella miniserie Dark frontier, 8 albi usciti negli Stati Uniti per Caliber Comics e proposti in italiano nella versione a colori (disponibile anche in due volumi). Siamo negli Stati Uniti del futuro, un presidente che assomiglia a Donald Trump ha eretto due muri, a nord e a sud, e nessuno può uscire. Luc è la ragazza del capo di un gruppo di ribelli, i quali difendono con le armi il loro territorio, ambìto dal governo perché ricco di petrolio ed altre materie prime. Poi il capo si rivela un vigliacco, Luc lo lascia ed inizia la storia d’amore con Max, che prosegue anche dopo che lui, pestato a morte da agenti del presidente, resta con facoltà intellettive estremamente ridotte. Qui inizia la storia, intervallata dai flashback, che vede i nostri eroi on the road, prima alla ricerca dell’unico scienziato in grado di curare Max e poi verso la costa per cercare di aggirare la barriera passando dal mare. In tutto questo c’era il rischio di cadere in mille cliché, il lettore avrebbe potuto trovarsi di fronte ad una vicenda assemblata pescando ovunque, invece Rosi racconta una storia d’amore, intensa e tragica, bella ed emozionante. Luca Panciroli esalta la sceneggiatura con la sua arte e Pamela Poggiali riesce a migliorare la già notevole parte grafica, con i suoi colori ben dosati. Dark frontier non sarà un capolavoro, ma è un gran bel fumetto, come ne vorremmo vedere spesso. 

Gli 8 albi della serie ed il cofanetto autografato.


Il box con 8 albi costa 35 euro e può essere ordinato sul sito, dove si trovano anche altre edizioni di questa storia.

martedì 22 giugno 2021

Ultime letture: Orme (3 numeri)

Definita come un tentativo di “riproporre la formula della rivista d’autore”, Orme uscì in soli tre numeri a cavallo fra il 2004 e il 2005. La linea editoriale non era molto chiara, il direttore Silvano Mezzavilla nel primo numero, sostanzialmente non diceva alcunché in proposito. Si va da inutili riproposte di grandi autori come Vittorio Giardino o Lorenzo Mattotti, a tante storie brevi di cui non viene indicata provenienza, né se si tratta di inediti, ma ciascuna è presentata solo con una biografia dell’autore. I fumetti pubblicati sono belli, ma assemblati come in un’antologia senza capo né coda; non stupisce che la rivista sia stata completamente dimenticata, a dispetto dell’occhiello sopra il titolo: “fumetti che lasciano il segno”.



La rivista fu pubblicata da Free Books ed è reperibile sul mercato dell’usato.

lunedì 21 giugno 2021

La mia vita con i fumetti: Xtraborda! 2021

Dopo la forzata interruzione del 2020, gli organizzatori del Borda Fest hanno pensato ad un'edizione straordinaria nel mese di giugno. Il Comune di Lucca aveva accettato la richiesta di collocazione al Foro Boario e così fu annunciato "Xtraborda!" per i giorni 18-19-20 giugno 2021. A tre giorni dall'inizio dell'evento, viene improvvisamente revocato l'utilizzo del Foro Boario, ma gli organizzatori non si perdono d'animo e prontamente trovano un'alternativa, grazie all'ASD Popolare Calcistica Trebesto che avrebbe accolto il Borda nel campo sportivo. Il Comune però intima all'associazione di non ospitare il festival, pena la revoca della concessione in gestione del campo. Venerdì mattina, sulla pagina Facebook del Borda, dopo aver spiegato tutto questo, viene lanciato l'appello a trovarsi alle ore 14 nello spazio di fronte al Foro Boario, per un pacifico raduno di protesta. Intervengono sul posto le forze dell'ordine e viene trovata una soluzione: il Borda può occupare una zona del parco pubblico antistante il Foro Boario, esattamente accanto allo skate park. Dobiamo quindi ringraziare la Polizia, se ha potuto aver luogo questa stupenda festa. Tanta bella gioventù, contenta di essere a Lucca senza pioggia e senza fango, accampata come un enorme pic-nic intorno ai banchi di autoproduzioni (non solo a fumetti) e microeditoria. Molta gente, molta allegria, presentazioni di volumi di fronte al pubblico seduto sull'erba ed anche gli affari, pare che siano andati bene. 

Sono stato a Xtraborda nei pomeriggi di sabato e domenica, ho incontrato diverse persone, assistito alla presentazione di Valerio Bindi di un portfolio di serigrafie del Prof. Bad Trip, acquistato un po' di albi, fanzine e libri e scattato diverse foto. Durante le edizioni autunnali ho sempre visitato il Borda in fretta e furia, preso dai mille incontri e dai mille acquisti di Lucca Comics. Qui invece, ho avuto modo di fermarmi da tutti quelli che proponevano fumetti, osservare, sfogliare, chiedere, valutare e decidere cosa acquistare. Così ho scoperto varie realtà interessanti, approfondito la conoscenza di  altre e riscoperto l'antico gusto di acquistare prodotti poveri (negli anni '90 erano fotocopie, oggi stampe digitali). Ho portato a casa venti titoli (vedere l'ultima fotografia) spendendo 133 euro, sono soddisfatto delle scelte e contento di aver trascorso un bel fine settimana.





















Valerio Bindi al microfono; Luca Raffaelli seduto sulla sinistra, con la maglia verde.





Sarà stato il clima di "ripartenza" in cui si è svolto questo Xtraborda (di mascherine indossate se ne sono viste poche), ma l'atmosfera era quella di una festa, con persone che si stringevano le mani, si abbracciavano, ridevano e scherzavano; anche chi non c'era, come Marco Corona che scrive su Facebook ad un suo amico, invitandolo a rovesciare un bicchiere di birra sul tavolo di Stefano Zattera, da parte sua. Si è anche parlato di cose serie, ai tavoli delle associazioni impegnate su vari fronti e quando i partecipanti al Borda si sono riuniti in assemblea.



I miei acquisti a Xtraborda, dall'alto: Puzz & Co, libro delle Edizioni Nautilus del 2003 (unico acquisto di un "usato") - Il meno peggio di Stefano Giovannini - Non so perché, ma... - Patti in deroga, tre titoli di Stefano Giovannini - Comic yard n. 1, rivista dell'Industria Fumettisti Autonomi - A chirp's tale delizioso librettino di Marco D'Alessandro - Mod. 70 di Gianmarco Corossetti - Il ritorno di Paddy Garcia - Eurotismo due libretti di Valerio Stacchini - nono EIF & ORA 2020, antologia delle Autoproduzioni Officina Romana (ORA) come i due di Stacchini - Due di Luca Ralli e Fabio Magnasciutti, Barta Edizioni - Princesse Suplex di Léonie Bischoff, Maledizioni - L'orologio, ORA Autoproduzioni - Legione n. 2, Chierichetti Editore - Il battesimo del porco di Marco Taddei e Samuele Canestrari, Maledizioni - Mater universalis di Dast, Liani e Zattera, Mondo Bizzarro Press - Sponde cremisi di Jonathan Bousfield e Igor Hofbauer, Tabularasa edizioni - Risveglio / Numero - Alice, due albi di Giacomo Nasta - Tex Situazionista nuova ristampa, Autoproduzioni Fichissime Andergraund.