martedì 6 marzo 2018

Ultime letture: A scanner darkly

C'erano una volta (e magari ci sono ancora) i "cineromanzi", quei fotoromanzi ricavati dai fotogrammi dei film. Questo "graphic novel", così definito in copertina, è di fatto un cineromanzo, solo che il film in questione è stato realizzato con interventi in post produzione tali da far assomigliare le immagini a disegni, il cosiddetto effetto posterizzazione, così descritto: "l'immagine potrebbe risultare quindi più "piatta", oppure avere uno stile simile ad un fumetto o ad un poster (da cui il nome dell'effetto)" (fonte: Wikipedia). Quindi alla fine ci troviamo davanti tavole che hanno assolutamente l'aspetto di un fumetto ma senza alcun disegnatore. Il film è tratto dal romanzo di Philip K. Dick che ha per oggetto un nuovo tipo di droga, chiamato "morte", con gli effetti devastanti che produce sull'organismo. Il libro è interessante ma la lettura risulta piuttosto noiosa, forse perché alle immagini manca quella dinamicità che solo i disegni possono avere. Un discreto film che diventa un brutto fumetto (o cineromanzo).



Il libro A scanner darkly - Un oscuro scrutatore - Il graphic novel è pubblicato da Fanucci Editore, non si trova sul sito ma può essere ordinato altrove.