giovedì 31 dicembre 2015

Ultime letture: Linus, tutti i numeri del 2015

L'annata 2015 di Linus sarà ricordata per il compimento dei 50 anni e per il cambio di direttore responsabile.
Le celebrazioni per l'importante traguardo hanno trovato maggiore spazio al di fuori della rivista che sulle sue pagine, fra queste la cosa più bella è Fumettisti ragguardevoli, una rubrica che si apre con un fumetto di Tuono Pettinato (che ogni volta sintetizza in due tavole la biografia di uno dei più importanti autori che nel corso dei decenni hanno trovato spazio su Linus) e prosegue con una piccola antologia, di poche pagine, dell'autore in questione.

Autografo di Tuono Pettinato in una pagina di Linus di Novembre 2015.

Piccolo riepilogo dei numeri di Linus usciti nel 2015.

Gennaio
Esordio della rubrica Fumettisti ragguardevoli; ultima puntata di "Sopravvivere al lavoro con filosofia"; in totale abbiamo 64 pagine a fumetti.

Febbraio
32 pagine in più del solito per l'inserto staccabile Wolinus.

Marzo
Ultima puntata di "Konrad & Paul - Stazione spaziale desiderio".

Aprile
Numero 599: celebrazioni con copertina (e manifesto) di Sergio Ponchione e vari interventi.

Maggio
Numero 600 con copertina e fumetto di Makkox su Matteo Salvini; per il resto niente di particolare da segnalare.

Giugno
Ultimo numero firmato da Stefania Rumor; si contano 81 pagine a fumetti.

Luglio
Primo numero del nuovo direttore; 61 pagine a fumetti e quindi molti più testi (in particolare satirici) con la sostituzione di alcuni collaboratori, fra cui qualcuno veramente storico. A Lucca Comics durante un evento pubblico fu chiesto a Giovanni Robertini di commentare la riduzione delle pagine a fumetti su Linus e lui rispose facendo il confronto con il periodo in cui la rivista usciva nel formato piccolo: all'epoca c'era, parole sue, un rapporto di circa 60/40 fra fumetti e redazionali.

Agosto
Il rinnovamento delle collaborazioni si fa sentire pesantemente: dopo aver sostituito, fra gli altri, gli autori di scritti più politici ed i titolari delle rubriche di fumetti e di musica, questo numero segna il passaggio di consegne anche per quanto riguarda il cinema che da settembre passerà di mano.


Settembre
Le recensioni di libri a fumetti accompagnate da alcune tavole stampate a tutta pagina sono una buona cosa per una rivista, ma al momento ci sono state solo su questo numero.

Ottobre
La prima parte della rivista è occupata da un esperimento / gioco: è stato chiesto a vari autori di disegnare il proprio leader di sinistra. Bellino, ma se sottrae altre pagine ai fumetti (che qui toccano il minimo storico di 59) allora è meglio evitare.

Novembre
Per la prima volta viene allestita un'edizione "Speciale Lucca 2015" con copertina leggermente diversa, stampata su cartoncino più pesante del solito; le pagine interne sono le stesse dell'edizione distribuita in edicola.




Dicembre
Copertina d'autore ed alcune pagine a fumetti ispirate ai tragici fatti terroristici di Parigi. Con queste lo spazio totale occupato dai fumetti risale a 72 pagine.

Una rivista non si giudica contanto le pagine, ma da una testata che quando è nata ha diviso in due la storia del fumetto in Italia, ci si aspetta che dedichi ai fumetti quasi tutte le energie e lo spazio a disposizione.

Una piccola curiosità riguarda il colophon: in ogni numero da luglio a dicembre sotto la dicitura "direttore", dopo il nome di Robertini, si trova ancora quello della Rumor.
Il 2015 è stata un'annata di passaggio, di cambiamenti non ancora assestati, di esperimenti. Linus si sta creando una nuova identità; vedremo nei prossimi mesi. Al momento possiamo fare gli auguri per i primi 50 anni e per i prossimi.