sabato 10 febbraio 2018

Ultime letture: Il senso del dolore (Romanzi a fumetti n. 35)

Un esordio con alti e bassi quello della quadrilogia di fumetti tratti dai romanzi del Commissario Ricciardi di Maurizio De Giovanni; la biblioteca poplite fumetti ha acquisito la versione economica, inserita nella collana contenitore dei Romanzi a fumetti. La storia è bella ma la sceneggiatura di Claudio Falco ha un ritmo incostante, con pagine piene di dialoghi ed altre che ne sono prive. Inoltre presenta un'eccessiva variabilità nella disposizione delle vignette all'interno della tavola, con costruzioni particolari che non sempre paiono funzionali alla narrazione. I disegni di Daniele Bigliardo sono molto belli ma sembrano accentuare la tristezza che aleggia in tutto l'albo. Le visioni dei fantasmi paiono uscite, di volta in volta, da un fumetto horror o dalla serie tv Ghost whisperer - Presenze mentre, a mio avviso, avrebbero dovuto sottolineare il "senso del dolore" di cui al titolo. La colorazione di Ylenia Di Napoli e Andrea Errico mette l'azzurro in tutte le tavole indistintamente, mentre poteva essere utilizzato per evidenziare il "dolore" e in alcune scene interlocutorie lasciare spazio al buon vecchio bianco e nero. Tutto questo disturba in un albo che nonostante tutto tiene incollato il lettore fino all'ultima pagina.
Ricciardi ha il dono (o maledizione) di percepire il dolore di chi ha subito una morte violenta, quando si trova nel luogo in cui il fatto è accaduto. Nel fumetto lui vede i fantasmi, ode le loro voci e questo non lo lascia indifferente; magari lo aiuta nelle indagini, ma ne farebbe volentieri a meno. Ha imparato a convivere con queste presenze e spesso le persone accanto a lui non si accorgono che c'è qualcosa di strano. Sappiamo ancora poco di Ricciardi, ma si intuisce una personalità complessa, un difficile rapporto con le donne ed una dedizione al lavoro che nasconde l'inconsistenza della vita privata.
In questo primo episodio il commissario risolve il caso dell'omicidio di un cantante lirico, mentre si apprestava ad esibirsi al Teatro San Carlo. Un delitto passionale che durante la lettura del fumetto passa quasi in secondo piano e questo è un punto a favore dello sceneggiatore che riesce ad interessare il lettore con gli ambienti ed i personaggi messi in scena.
Il giudizio complessivo su questo albo può essere neutro, con un pareggio fra aspetti positivi e negativi.


L'albo è pubblicato da Sergio Bonelli Editore, così come la versione in volume cartonato di più ampio formato e con contenuti extra; entrambi si trovano facilmente in fumetteria.