domenica 22 gennaio 2017

Ultime letture: Bittersweet super stories - Volinsky

Impossibile non fare il confronto con il primo volume di questa serie Bittersweet super stories, in quattro parole: quello si questo no. L'idea è quella di raccontare ogni volta la storia di un giovane che si trova improvvisamente e inspiegabilmente un super potere; Volinsky può diventare invisibile. Tanto il primo volume era delicato quanto questo è eccessivo in tutto. All'inizio il protagonista viene torturato pesantemente e poi sembra non risentirne, quasi che il potere fosse quello della rigenerazione. Va bene la sospensione dell'incredulità, ma quando viene trapanato un ginocchio poi è difficile riuscire a stare in piedi (e anche non svenire dal dolore); se viene estirpato un dente non si può disegnare il personaggio con tutti i denti al loro posto come fosse ricresciuto. Poi c'è il deus ex machina, il personaggio con la tuta da scheletro che appare nei momenti giusti e poi scompare senza che si sappia niente di lui. C'è molta violenza in questo libro, i morti ammazzati non si contano e l'uso del super potere passa decisamente in secondo o terzo piano. Il disegno è piacevole ed efficace, la storia potrebbe essere altrettanto se le premesse non fossero quelle enunciate nel precedente volume. Se a questa storia togliamo il riferimento alla serie e la leggiamo come un elevazione a potenza dei sentimenti di amore, odio, vendetta, amicizia, fedeltà, allora può diventare apprezzabile, ma come seconda, stona decisamente rispetto alla prima.




Il libro è pubblicato dal Centro Fumetto Andrea Pazienza e costa 12,00 Euro. Al momento in cui scrivo non è presente nello shop online del Centro, ma si può acquistare altrove.