giovedì 31 dicembre 2015

Ultime letture: Linus, tutti i numeri del 2015

L'annata 2015 di Linus sarà ricordata per il compimento dei 50 anni e per il cambio di direttore responsabile.
Le celebrazioni per l'importante traguardo hanno trovato maggiore spazio al di fuori della rivista che sulle sue pagine, fra queste la cosa più bella è Fumettisti ragguardevoli, una rubrica che si apre con un fumetto di Tuono Pettinato (che ogni volta sintetizza in due tavole la biografia di uno dei più importanti autori che nel corso dei decenni hanno trovato spazio su Linus) e prosegue con una piccola antologia, di poche pagine, dell'autore in questione.

Autografo di Tuono Pettinato in una pagina di Linus di Novembre 2015.

Piccolo riepilogo dei numeri di Linus usciti nel 2015.

Gennaio
Esordio della rubrica Fumettisti ragguardevoli; ultima puntata di "Sopravvivere al lavoro con filosofia"; in totale abbiamo 64 pagine a fumetti.

Febbraio
32 pagine in più del solito per l'inserto staccabile Wolinus.

Marzo
Ultima puntata di "Konrad & Paul - Stazione spaziale desiderio".

Aprile
Numero 599: celebrazioni con copertina (e manifesto) di Sergio Ponchione e vari interventi.

Maggio
Numero 600 con copertina e fumetto di Makkox su Matteo Salvini; per il resto niente di particolare da segnalare.

Giugno
Ultimo numero firmato da Stefania Rumor; si contano 81 pagine a fumetti.

Luglio
Primo numero del nuovo direttore; 61 pagine a fumetti e quindi molti più testi (in particolare satirici) con la sostituzione di alcuni collaboratori, fra cui qualcuno veramente storico. A Lucca Comics durante un evento pubblico fu chiesto a Giovanni Robertini di commentare la riduzione delle pagine a fumetti su Linus e lui rispose facendo il confronto con il periodo in cui la rivista usciva nel formato piccolo: all'epoca c'era, parole sue, un rapporto di circa 60/40 fra fumetti e redazionali.

Agosto
Il rinnovamento delle collaborazioni si fa sentire pesantemente: dopo aver sostituito, fra gli altri, gli autori di scritti più politici ed i titolari delle rubriche di fumetti e di musica, questo numero segna il passaggio di consegne anche per quanto riguarda il cinema che da settembre passerà di mano.


Settembre
Le recensioni di libri a fumetti accompagnate da alcune tavole stampate a tutta pagina sono una buona cosa per una rivista, ma al momento ci sono state solo su questo numero.

Ottobre
La prima parte della rivista è occupata da un esperimento / gioco: è stato chiesto a vari autori di disegnare il proprio leader di sinistra. Bellino, ma se sottrae altre pagine ai fumetti (che qui toccano il minimo storico di 59) allora è meglio evitare.

Novembre
Per la prima volta viene allestita un'edizione "Speciale Lucca 2015" con copertina leggermente diversa, stampata su cartoncino più pesante del solito; le pagine interne sono le stesse dell'edizione distribuita in edicola.




Dicembre
Copertina d'autore ed alcune pagine a fumetti ispirate ai tragici fatti terroristici di Parigi. Con queste lo spazio totale occupato dai fumetti risale a 72 pagine.

Una rivista non si giudica contanto le pagine, ma da una testata che quando è nata ha diviso in due la storia del fumetto in Italia, ci si aspetta che dedichi ai fumetti quasi tutte le energie e lo spazio a disposizione.

Una piccola curiosità riguarda il colophon: in ogni numero da luglio a dicembre sotto la dicitura "direttore", dopo il nome di Robertini, si trova ancora quello della Rumor.
Il 2015 è stata un'annata di passaggio, di cambiamenti non ancora assestati, di esperimenti. Linus si sta creando una nuova identità; vedremo nei prossimi mesi. Al momento possiamo fare gli auguri per i primi 50 anni e per i prossimi.

martedì 29 dicembre 2015

Ultime letture: Rachel Rising 6

Le importanti rivelazioni sulla natura della protagonista rappresentano la caratteristica principale del sesto volume della saga che potrebbe essere ad una svolta, ma Terry Moore ci ha abituati alle sorprese ed è meglio non fare previsioni. Come al solito i sei capitoli contenuti nel libro si leggono rapidamente, ciascuno in pochi minuti, ma il ritmo veloce nulla toglie all'intensità del racconto ed alla bellezza dei personaggi di contorno.

domenica 27 dicembre 2015

Chi si ricorda ... l'Omaggio a Hector German Oesterheld?

Era il 1983 quando in occasione di una mostra con due sedi, Modena e Bomporto, avente per titolo Balloons, l'Arcicomics pubblicò un portfolio con 13 illustrazioni in bianco e nero appositamente realizzate da altrettanti autori per omaggiare il grande sceneggiatore argentino. Il tutto è completato da 2 pagine iniziali di introduzione ed una finale con strisce della serie La Guerra de los Antartes disegnate da Gustavo Trigo su testi di Oesterheld. In totale sedici cartoncini contenuti in una cartellina numerata; un bell'oggetto da collezione. Per descriverne il contenuto è sufficiente citare i nomi degli artisti, in ordine di apparizione: Magnus, Guido Crepax, Clod & Lina, Maurizio Bovarini, Luca Novelli, Massimo Cavezzali, Giorgio Carpinteri, Silvio Cadelo, Paolo Ongaro, Giampaolo Chies, Marcello Jori, Renzo Calegari, Sergio Staino. 


















venerdì 25 dicembre 2015

Ultime letture: Dante - La Divina Commedia a fumetti

Edizione definitiva del Dante di Marcello in occasione delle celebrazioni per i 750 anni dalla nascita del poeta. Sappiamo che Toninelli ha rimaneggiato, talvolta riscritto e ridisegnato, le strisce dopo la prima pubblicazione su Il Giornalino, per rendere il fumetto più "adulto" ed ha anche aggiunto nuove strisce. Per questo libro ha messo al lavoro suo figlio incaricandolo della colorazione ed il risultato è ottimo. Sfogliando il volume prima dell'acquisto si nota il formato più piccolo rispetto alla precedente pubblicazione per le Edizioni Foxtrot: alla prova dei fatti le vignette risultano perfettamente leggibili. Questa edizione è dunque molto bella con il colore che rende tutto più godibile.
L'Inferno occupa più spazio, essendo fonte inesaurible di personaggi e spunti per le irresistibili gag, ma presenta anche un'altra differenza: è composto da singole strisce mentre le altre due cantiche si dipanano in strisce doppie; le singole tornano con La vita di Dante. La lettura è piacevolissima, non ci si stanca mai: pur essendo le strisce formalmente autoconclusive (l'autore arriva persino a scherzare su se stesso e sul fatto che ogni striscia reca la sua firma), sono anche a continuazione, raccontano una storia senza ripetersi. C'è quindi un doppio divertimento: quello delle singole striscie che si risolvono in battute veramente spassose e quello della scoperta di sempre nuovi personaggi e situazioni. Un bellissimo libro.


mercoledì 23 dicembre 2015

Ultime letture: Larry Yuma 5 - Arizona Express

Il libro si apre con una storia lunga (48 tavole) per poi passare a quelle che saranno lo standard: 10 / 12 tavole di sei vignette, compresa una splash page, sempre di grande effetto. Se nelle storie lunghe fin qui viste si è potuto apprezzare la ricchezza degli intrecci narrativi è in quelle brevi che si riesce ad apprezzare maggiormente la maestria di Nizzi. Nel poco spazio a disposizione costruisce una storia completa e la raccontarla per immagini senza ricorrere a didascalie o lunghi dialoghi.

La versione numerata del quinto volume è arricchita da una stampa che riproduce il disegno della sovracopertina variant di Pasquale Frisenda.

lunedì 21 dicembre 2015

Ultime letture: Due fratelli

Due autori gemelli che raccontano la storia (tratta da un romanzo) di due personaggi gemelli. La premessa è molto intrigante e la lettura del libro si rivela estremamente piacevole complice la sintesi del disegno, con il netto contrasto fra bianco e nero. Attraverso una serie di personaggi che ricoprono il ruolo di narratori, assistiamo alle vicende di una famiglia; una storia intima che lascia trapelare ben poco del contesto in cui è calata. Una bella storia per un buon libro.





sabato 19 dicembre 2015

Ultime letture: L'elenco telefonico degli accolli

Il mio personale processo di avvicinamento ai fumetti di Zerocalcare è stato lento, pieno di dubbi, perplessità e diffidenze. Nel tempo ho tentato di leggere qualcosa dal blog e dalle anteprime dei vari libri,  ma l'esito è sempre stato negativo, non ho mai provato attrazione per quel genere così distante dal mio mondo fumettistico, sia dal punto di vista grafico che dei testi. Per anni ho chiesto a persone della mia stessa generazione cosa ne pensassero di Zerocalcare e mai ho trovato commenti tanto entusiasti da spingermi a leggere uno dei suoi libri; le puntate di Fumettology non mi avevano convinto e neppure ricordavo di aver visto qualcosa su Canemucco.

la svolta è stata a Lucca Comics con l'evento congiunto Bao Publishing / Sergio Bonelli Editore al termine del quale alcuni dei presenti hanno ricevuto la borsa omaggio (pensata solo per i gestori di fumetterie, ma disponibile in gran quantità) contenente, oltre a due albi Bonelli, l'edizione variant de L'elenco telefonico degli accolli (ringrazio sentitamente Michele Foschini). A questo punto non avevo più scuse: dovevo leggere un libro di Zerocalcare!

Tenere per le mani un oggetto concreto, provare il piacere di sfogliare le pagine, sentire l'odore della carta e dell'inchiostro, già predispone positivamente, a differenza dello stare davanti allo schermo di un computer. Inizio così la lettura e dopo una trentina di pagine la prima impressione, magari scontata per chi già conosceva l'autore, ma non per me, è di un fumetto basato sulle paranoie (seghe mentali). Tutto ben rappresentato, con alcune trovate fulminanti e un buon equilibrio fra argomenti seri e divertimento. Non pare un libro da leggere tutto d'un fiato, ma a piccole dosi, come del resto era stato concepito per Internet.

Proseguendo, la lettura si fa sempre più appesantita e lenta. Dopo un centinaio di pagine mi accorgo di andare avanti più per dovere (accollo!) che per piacere. Decisamente non è il mio genere; non ci trovo emozioni, non quelle che cerco in un fumetto. Il ritmo di lettura non aiuta ad apprezzare l'opera, forse perché non è nata per raccontare delle vere storie, ma per esprimere stati d'animo, commentare fatti e situazioni. Questo non è negativo ma è distante dalle mie preferenze.

Alla fine la sensazione prevalente è di noia. Forse posso fare un paragone: è come se invece di scrivere queste righe avessi fatto una sceneggiatura, dando indicazioni al disegnatore di rappresentare una caricatura di me stesso mentre leggo il libro di Zerocalcare, facendo commenti ironici (negativi) e l'armadillo mi suggerisce gli aspetti piacevoli del fumetto. Una cosa del genere potrebbe anche funzionare, se si trattasse di poche vignette, ma leggere diverse tavole dove viene esternato un semplice stato d'animo, per me è noioso. Così purtroppo è quasi tutto il libro.

giovedì 17 dicembre 2015

Ultime letture: I miserabili

Claudio Nizzi spiega nell'introduzione che "ridurre a fumetti" di un romanzo significa scegliere quali parti riportare nelle pagine a disposizione e quali escludere, con l'intento di ottenere una bella storia che non sostituisca l'opera originale ma anzi ne invogli la lettura. Qui ci riesce benissimo, il fumetto è ben narrato, scorre ad un ottimo ritmo, appassionante e coinvolgente. Il merito di tutto ciò sta anche nei meravigliosi disegni di Paolo Piffarerio che, finalmente tornati al bianco e nero, risaltano per la loro meticolosità, per i dettagli. Tutto è disegnato con precisione, dai singoli mattoni alle pieghe degli abiti, e non ci si stanca mai di ammirare ogni singola vignetta.


martedì 15 dicembre 2015

Ultime letture: Mille tempeste

"Ci sono volute un migliaio di tempeste per estinguere il tocco della tua mano sulla mia pelle e cancellare il profumo della tua pelle dalle mie mani." La poeticità di Tony Sandoval non è solo nelle parole ma anche e soprattutto nel delicato tratto, negli esili corpi dei suoi personaggi. La storia ha toni drammatici; questo libro racconta vicende terribili, ma lo fa con disegni stupendi, mostrandoci il mondo e le sue mostruosità attraverso gli occhi dei bambini, della protagonista Lisa ed i suoi amici.


domenica 13 dicembre 2015

Ultime letture: Un lavoro normale

Un bel libro di Alberto Madrigal che narra le vicende di un aspirante autore di fumetti. Da apprezzare la qualità dei disegni che riescono a raccontare anche con poche parole. La lettura scorre veloce, appassionante e coinvolgente; ci si immedesima nel protagonista e si vivono intensamente con lui i diversi stati d'animo.Una piccola storia che ti lascia molto.


venerdì 11 dicembre 2015

Ultime letture: Anubi

Anubi è un gran bel libro. Lo stile pulito ed essenziale del disegno ne invoglia l'acquisto e la lettura si rivela gradevole. La narrazione è un po' frammentaria, procede per episodi legati fra loro da una continuità, ma così è la vita di tutti i giorni e questo libro racconta proprio quella: la quotidianità dell'ex divinità egizia Anubi. Le difficoltà della vita ed i rapporti con gli altri sono fra gli elementi ricorrenti nelle vicende di questo essere con la testa di sciacallo che un po' ci rappresenta, o forse noi siamo gli altri personaggi che lo circondano e che animano la città (senza nome) in cui vive. La lettura di questo libro scorre ad un ottimo ritmo, fra siparietti divertenti e riflessioni, fino a presentare anche situazioni tragiche. Molto belli i personaggi di contorno, che sono la vera forza di questo fumetto.


mercoledì 9 dicembre 2015

Ultime letture: Finisco di contare le mattonelle

Una storia d'amore con tre finali diversi tra cui scegliere quello che si preferisce; il tutto visualizzato con uno stile di disegno più da illustrazione che da fumetto, accattivante e ben integrato con la sceneggiatura. Il risultato è molto bello, il libro di legge con estremo piacere, ad un ottimo ritmo, godendosi le immagini molto espressive e suggestive. Un plauso alla giovane autrice Elisabetta Romagnoli che ci ha regalato dei bei momenti di lettura.

lunedì 7 dicembre 2015

Ultime letture: Enrico IV

La casa editrice Kleiner Flug riprende la collana Teatro fra le nuvole con questo adattamento del testo di Pirandello. I personaggi recitano come sul palcoscenico; non è un fumetto tratto da un testo teatrale è il teatro a fumetti. Interessante la sceneggiatura che segue appunto un ritmo teatrale e stupendi i disegni che restituiscono l'atmosfera perfetta per questo dramma. Un altro bellissimo libro di giovani autori.



sabato 5 dicembre 2015

Ultime letture: Garibaldi

Gran parte di questo libro di Tuono Pettinato è basato più sul testo che sui disegni, la narrazione avviene tramite lunghi dialoghi e didascalie anziché la sequenzialità delle immagini. Questa caratteristica rende la lettura appesantita e priva di un buon ritmo, ma non per questo meno piacevole ed interessante. L'operazione di revisione del mito di Garibaldi e degli altri personaggi storici riesce perfettamente: si scherza ma non si ridicolizza. Alla fine, a libro chiuso, resta una piacevole sensazione, quella di aver conosciuto un Garibaldi diverso da quello scolastico, non meno credibile e sicuramente più simpatico.



giovedì 3 dicembre 2015

Ultime letture: Il libro nuovo

Sotto un titolo dichiaratamente preso a prestito dal professor Jung, abbiamo un libro che illustra i tarocchi collegandoli fra loro con una storia. A pagine alterne troviamo gli arcani maggiori più alcune carte inventate per l'occasione. Il sottotitolo recita "Come la Dama e la Tigre risalirono verso l'Ignoto": la figura femminile è una ragazza minuta, come l'autrice, ed insieme al maestoso animale seguono un percorso dai molteplici significati simbolici. 49 pagine di splendide pennellate in bianco e nero senza parole.

martedì 1 dicembre 2015

Ultime letture: Martin Mystère - Gli eroi di Troia

Una storia del periodo classico di Martin Mystère, realizzata nel 1987 e pubblicata solo adesso dall'Anafi in una bella edizione, ottimamente stampata su carta pesante, formato maggiore rispetto alla serie mensile ed arricchita da introduzioni e postfazioni veramente interessanti e curiose. Una trama poliziesca infarcita di misteri archeologici e risvolti sociali; ottima sceneggiatura di Sauro Pennacchioli e godibili disegni di Roberto Revello. Nel complesso un bellissimo libro.