mercoledì 27 agosto 2014

Ultime letture: Almanacco di Linus 1969 - Saturno contro la terra

Il primo fumetto italiano di fantascienza, anni 1936 - 1946, letto oggi (nella sola edizione in unico volume esistente) più per l'interesse e la curiosità che per il piacere. La stampa in bianco e nero è abbasta buona, nonostante il formato piccolo rispetto ai "giornali" in cui originariamente apparve il fumetto e il rimontaggio delle tavole. I disegni di Giovanni Scolari sono molto belli ma fanno sorridere le pose teatrali dei personaggi, retaggio d'altri tempi. La fantascienza di allora era molto fantasiosa (la terra che viene spaccata in due e poi gli emisferi fatti ricongiungere al nucleo centrale!) ma la storia c'è e regge alla prova del tempo. L'ispirazione per il soggetto iniziale venne da Cesare Zavattivi, Federico Pedrocchi realizzò la sceneggiatura, scrivendo poi interamente gli altri sei episodi che compongono la saga. Cattivi che diventano buoni, traditori che si pentono, altri che non lo fanno, scenziati onniscenti, macchinari incredibili, sciagure di ogni tipo che si abbattono sulla Terra causando un numero imprecisato di vittime. Tutto questo è ben amalgamato e decretò il successo della serie. Il libro (ancora facilmente reperibile, magari nella seconda edizione del 1970) è un ottimo documento per la storia del fumetto italiano e si fa leggere anche dopo tanti anni.